Seleziona una pagina

RIMOZIONE GRAFFITI

Il sistema è basato sull’utilizzo di aria, acqua e Sali minerali di opportuna composizione chimica e granulometria, gestiti da una speciale apparecchiatura totalmente pneumatica e a bassa pressione.
Garantisce una delicatezza del trattamento, non altrimenti raggiungibile con altri sistemi, tanto da poter essere utilizzato per la pulizia di superfici in vetro.

Praticamente nulli i rischi per l’operatore in quanto i prodotti utilizzati non rappresentano pericolo di tossicità e le apparecchiature non richiedono l’apporto di energia elettrica.

A pulizia avvenuta la superficie pulita viene protetta con un liquido trasparente a base di cere che permette agevoli interventi per la rimozione di successive scritte.

IL SISTEMA DEKOS

 

Il sistema di rimozione dei graffiti e/o della pulizia  sviluppato da Gruppo Dekos, adotta una tecnologia che consente il trattamento delle superfici senza determinare significativa abrasione del substrato.

LE COMPONENTI DEL SISTEMA

  • Acqua
  • Aria compressa
  • Miscela di sali inorganici
  • Vernice protettiva finale

L’intervento combinato di aria, acqua e sali svolge sulla superficie trattata un’azione sia meccanica che chimica, ottimizzando il risultato finale del processo. L’azione meccanica si espleta nell’ urto contro la superficie da trattare di particelle sia di solido (sali minerali) che di liquido (acqua) in un flusso d’aria a bassa pressione ( 1 – 4 bar).

 

Al trattamento di rimozione dei graffiti e di pulizia  delle superfici, può essere associato un intervento di protezione con prodotti specificamente formulati al fine di :

  • Inibire l’aggrappaggio delle vernici utilizzate nella realizzazione di graffiti alle superfici pulite
  • Proteggere la superficie trattata dall’azione degli agenti atmosferici
  • Garantire durata nel tempo al trattamento di pulizia

Il danno conseguente ad un’eventuale reiterazione dell’atto vandalico sulla superficie  protetta, può essere quindi eliminato con un intervento di pulizia manuale semplice e di costo ridotto, ottenendo inoltre l’effetto di scoraggiare  il ripetersi del vandalismo.

I prodotti da utilizzare per l’operazione di protezione delle superfici sono frutto di una formulazione specifica in funzione di una serie  di variabili  da valutare caso per caso e superficie per superficie.

DESCRIZIONE SISTEMA DI RIMOZIONE

Il sistema di rimozione dei graffiti e di pulizia delle superfici messo a punto da Gruppo Dekos, è basato sull’utilizzo di aria, acqua e sali minerali di opportuna composizione chimica e granulometria, gestiti da un’apparecchiatura che è caratterizzata da assenza di parti in movimento, funzionamento totalmente pneumatico ed utilizzo di basse pressioni, garantendo quindi per quanto riguarda l’apparecchiatura, semplicità di funzionamento, sicurezza, affidabilità e facilità di manutenzione. Il processo utilizzato garantisce inoltre sicurezza  per l’operatore per il quale non occorrono strumenti di protezione particolari, assenza di impatto ambientale, delicatezza del processo nei riguardi delle superfici trattate ed un’ elevata prestazione  in termini di capacità produttiva, con conseguente ridotto costo di gestione.

COMPOSIZIONE DEI SALI MINERALI UTILIZZATI

MISCELE DEI SALI ORGANICI E INORGANICI MINERALI UTILIZZATI

A seconda della natura della  superficie oggetto del trattamento e dell’intensità del trattamento da effettuarsi (succede frequentemente che un graffito venga artigianalmente mascherato  con una mano di vernice coprente, sulla quale può  venire ridisegnato un altro graffito, sul quale applicare una ulteriore mano di vernice  e così  via), viene deciso l’utilizzo di prodotti diversi per composizione:

  • TRONEX A : bicarbonato di sodio al 99%, di granulometria appositamente studiata.
  • TRONEX B : miscela di bicarbonato di sodio, carbonato di calcio, carbonato di magnesio.
  • TRONEX C : miscela di bicarbonato di sodio, carbonato di calcio, carbonato di magnesio. Contenuto di ossido di ferro (come Fe2O3) <0,016
  • TRONEX D : miscela di bicarbonato di sodio, carbonato di calcio, carbonato di magnesio. Contenuto di ossido di silicio <0,1%.
  • TRONEX E : miscela di sali minerali a granulometria controllata, esente da silici e quarzi.

CRITERI PER SCELTA DEL PRODOTTO

  • TRONEX A : Per interventi su superfici in vetro e matrici lapidee delicate o lucidate (Arenaria – Tufo – Pietra bianca di Lecce).
  • TRONEX B : Per interventi su matrici tenere e porose (Marmo – Travertino).
  • TRONEX C : Per interventi su matrici semidure (Ceppo lombardo – Rosa di Verona).
  • TRONEX D : Per interventi su matrici dure e porose (Porfido – Trachite).
  • TRONEX E : Per interventi su matrici dure (Pietra lavica – Basalto).

PARAMETRI D’INTERVENTO SUI SUPPORTI  PIÙ COMUNI

 

Natura supporto Pressione Getto Quantità Acqua Prodotto
Vetro – Marmo lucido 2 / 2.5 +++ Tronex A/B
Arenaria – Tufo 2 / 2.5 + Tronex B/C
Marmo – Travertino 2.5 / 3 ++ Tronex C/D/E
Basalto – Ardesia 3 / 3.5 + Tronex E
Mattone * 1.5 +++ Tronex E

*Il mattone costituisce un’eccezione per quanto riguarda il tipo di prodotto da usare per il suo trattamento. Infatti, il mattone pur rappresentando un tipo di supporto tenero e poroso, richiede il trattamento con Tronex E, esente da bicarbonato che non è consigliato su laterizi.

LE APPARECCHIATURE

APPARECCHIATURA DK 201

APPARECCHIATURA DK 201

CARATTERISTICHE TECNICHE
  • DIMENSIONI : mm 570 x mm 450 x altezza mm 1100 (con ruote)
  • PESI :
    • netto Kg 70
    • manica di lavoro standard completa di ugello, Kg 8 ( 5 m )
  • CAPACITA’ DEL SERBATOIO : variabile in base alla densità del prodotto inserito, massima litri 24, utile litri 20
  • PRESSIONE ARIA DI ALIMENTAZIONE : max. 8 bar – min. 6 bar
  • PRESSIONE ACQUA DI FUNZIONAMENTO : max. 8 bar – min. 1 bar
  • PRESSIONE RISULTANTE ALL’UGELLO : MAX 4 BAR – MIN 1 BAR
  • PRESSIONE DI ESERCIZIO : 1.000 litri/minuto
  • PRODUTTIVITA’ : Disponibili tabelle orientative dei tempi e dei costi
  • CONSUMI :
    • materiali variabili in base alla consistenza e lo stato del supporto da trattare da 0,5 Kg/mq a 3 Kg/mq
    • acqua max. 2 litri minuto
  • LINEA DI ESERCIZIO : ½″ (DN 15mm)

APPARECCHIATURA DK 224 AM

APPARECCHIATURA DK 224 AM

CARATTERISTICHE TECNICHE
  • DIMENSIONI : mm 570 x mm 450 x altezza mm 1100 (con ruote)
  • PESI :
    • netto Kg 108
    • manica di lavoro standard completa di ugello, Kg 8 ( 5 m )
  • CAPACITA’ DEL SERBATOIO : variabile in base alla densità del prodotto inserito, massima litri 24, utile litri 20
  • PRESSIONE ARIA DI ALIMENTAZIONE : max. 8 bar – min. 6 bar
  • PRESSIONE ACQUA DI FUNZIONAMENTO : max. 8 bar – min. 1 bar
  • PRESSIONE RISULTANTE ALL’UGELLO : MAX 4 BAR – MIN 1 BAR
  • PRESSIONE DI ESERCIZIO : 4.000 litri/minuto
  • PRODUTTIVITA’ : Disponibili tabelle orientative dei tempi e dei costi
  • CONSUMI :
    • materiali variabili in base alla consistenza e lo stato del supporto da trattare da 0,5 Kg/mq a 3 Kg/mq
    • acqua max.1 – 2 l/m
  • LINEA DI ESERCIZIO : ½″ (DN 15mm)

APPARECCHIATURA DK 222 AM

APPARECCHIATURA DK 222 AM

CARATTERISTICHE TECNICHE
  • DIMENSIONI : mm 570 x mm 450 x altezza mm 1100 (con ruote)
  • PESI :
    • netto Kg 108
    • manica di lavoro standard completa di ugello, Kg 8 ( 5 m )
  • CAPACITA’ DEL SERBATOIO : variabile in base alla densità del prodotto inserito, massima litri 24, utile litri 20
  • PRESSIONE ARIA DI ALIMENTAZIONE : max. 8 bar – min. 6 bar
  • PRESSIONE ACQUA DI FUNZIONAMENTO : max. 8 bar – min. 1 bar
  • PRESSIONE RISULTANTE ALL’UGELLO : MAX 4 BAR – MIN 1 BAR
  • PRESSIONE DI ESERCIZIO : 2.000 litri/minuto
  • PRODUTTIVITA’ : Disponibili tabelle orientative dei tempi e dei costi
  • CONSUMI :
    • materiali variabili in base alla consistenza e lo stato del supporto da trattare da 0,5 Kg/mq a 3 Kg/mq
    • acqua max. 2 litri minuto
  • LINEA DI ESERCIZIO : ½″ (DN 15mm)

APPARECCHIATURA DEKOS MINIJET

Minijet

DEKOS Minijet: per accurati interventi di pulizia su manufatti di pregio, anche non planari, come capitelli, modanature, decorazioni e altri particolari architettonici.

TRATTAMENTI DI PROTEZIONE

Successivamente alla rimozione dei graffiti o alla pulitura delle facciate, è opportuno provvedere alla protezione delle superfici pulite. Ciò avviene tramite l’applicazione di vernici protettive che consentono  di scoraggiare il ripetersi dell’atto vandalico e di rendere notevolmente più agevole l’operazione di pulitura nel caso in cui il vandalismo si ripeta. I trattamenti di protezione variano nella loro composizione in funzione della durata  che il trattamento stesso è in grado di garantire. Dekos ha messo a punto  protettivi definiti“sacrificali” che vengono rimossi  con il primo lavaggio e protettivi definiti“semipermanenti” in grado di resistere nel tempo se non disturbati, o ad un certo numero di lavaggi in caso di reiterazione dell’atto vandalico.
Il trattamento protettivo viene generalmente realizzato a pennello e si consiglia l’applicazione di almeno due mani del tipo di vernice selezionato.

PRODOTTI PROTETTIVI

Dekos produce una gamma di protettivi a base sia di cere che di resine fluorurate. Si differenziano a seconda della tipologia di supporto da trattare, del rivestimento da proteggere, sia esso orizzontale o verticale, della durata desiderata e della qualità della matrice.

 

LAVORI EFFETTUATI

ALCUNE FOTO PRIMA E DOPO I LAVORI DEKOS

 

INTERVENTI SIGNIFICATIVI PULIZIA VERTICALE
  • PALAZZO DEL VICARIATO – Roma
  • PALAZZO MADAMA – Roma
  • AMBASCIATA DEL BRASILE – P.zza Navona – Roma
  • S. MARIA IN TRASTEVERE – Roma
  • PALAZZO COMUNALE – Caserta
  • PICCOLO TEATRO – Largo Greppi – Milano
  • COMUNE DI CATANIA – Arch. Storico
  • TEATRO COMUNALE – Reggio Calabria
  • PALAZZO SOLVAY – V. Turati,12 – Milano
  • AMBRA – Palazzo Ferruzzi – Ravenna
  • LICEO BERCHET – Via della Commenda – Milano
  • DEUTSCHE BANK – Milano
  • BNL Paribas – Via Ansperto – Milano
  • CARIPLO – Via Toledo – Napoli
  • PALAZZO STORICO – C.so Monforte – Milano
  • REGGIA – Caserta
  • COLONNE E CAPITELLI – P.zza Duomo – Milano